FMEA 4.2 Modulo FORD

Destinatari:

 Addetti e Responsabili Qualità
 Progettisti e Responsabili della Progettazione
 Addetti e Responsabili Manutenzione/Produzione
 Responsabili Industrializzazione

Obiettivi:

Fornire le competenze per
favorire un’efficace ed efficiente definizione ed implementazione del Risk
Management in fase di progettazione del prodotto (Design FMEA), avviamento e industrializzazione
dei processi produttivi (Process FMEA) realizzati sia all’interno che all’esterno de ll’Organizzazione.
In modo particolare su:
 Conduzione strutturata della Design FMEA
 Identificazione delle Caratteristiche Speciali a seguito della Design FMEA
 Come tener conto delle Caratteristiche Speciali del progetto per poter predisporre tutte le
misure ed i controlli atti a prevenire gli errori in fase di processo (PFMEA)

Contenuti:

 Impostazione generale sui principi fondamentali dello stru mento FMEA (di Progetto
“ e di Processo “PFMEA”) secondo di requisiti AIAG e Ford.
 Valutazione del Rischio e interpretaz ione del “Risk Priority Number” (o IPR Indice di
Priorita’ di Rischio).
 Recepimento nella FMEA di Processo (PFMEA) delle Caratteristiche Speciali di Progetto
definite nella DFMEA.
 Metodo di preparazione della PFMEA con le indicazioni sulla modalità di gestione delle
“Recommanded
 Legame tra la PFMEA e il “Production Control Plan”.
 Identificazione delle caratteristiche speciali sui documenti e fasi di processo (disegni,
specifiche, istruzioni operative e centri di lavorazione)
 FMEA nel contesto dei Processi Automotive e dei requisiti AIAG
 Gli Strumenti di impostazione della Design FMEA:
 Boundary Diagram
 P Diagramam
 Interface Matrix
 Conduzione della Design FMEA per la definizione delle Caratteristiche Speciali del
prodotto.
 La valutazione della Severity degli effetti come assessment del rischio sulla sicurezza
dell’Utente, sul rispetto del Regulatory e sulla operatività del prodotto.
 La valutazione della frequenza delle modalità di guasto per i nuovi progetti.
 La valutazione de i controlli in fase progettuale fino alla definizione del Design Verification
Plan & Report come elemento di ingresso per la validazione dei nuovi processi produttivi.
 Identificazione delle Caratteristiche Speciali di prodotto come elemento di ingresso all a
Process FMEA.
 I Process Flow Diagram (macro e micro) per la definizione delle funzioni del processo fino a livello di micro
attività.
 La Matrice delle Caratteristiche: lo strumento fondamentale per la correlazione tra prodotto
e processo.
 Identificazione delle Failure Mode di Processo e valutazione della Severity degli effetti dal
punto di vista Utente/Prodotto.
 Valutazione della Severity degli effetti sui processi produttivi:
 Sicurezza degli Operatori
 Sicurezza dei Processi
 Fermi linea
 Scarti e rilavor azioni
 Valutazione della frequenza delle cause di Failure Mode (Occurrence) in termini di PPM o
mediante la valutazione della Process Capability per i processi surrogati in caso di nuovi
processi.
 Valutazione dell’efficacia dei controlli in processo:
 Controlli Visivi
 Controlli per Attributi
 Controlli per Variabili
 Sistemi intrinsecamente sicuri (POKA
 Il “Risk Priority Number RPN” (IPR Indice di Priorità di rischio) ed i criteri per la
determinazione, per ognuna delle potenzialità di guasto, degli indici di
 Gravità (degli effetti)
 Frequenza (delle cause)
 Rilevabilità (efficacia dei controlli possibili)
 Recommended Actions” Selezionare e Gestire le Azioni:
 Quando sono necessarie
 Come gestirle
 Dalla PFMEA al “Production Control Plan”.
 I contro lli Speciali
 La FMEA come requisito contrattuale per la validazione dei componenti di acquisto
(
 Valutazione della emissione di PSW ad Interim in caso di analisi FMEA non complete.
 Come identificare lotti di fornitura preventivamente selezionati dal Fornitore.
 Elementi di Machinery FMEA per garantire l’affidabilità dei processi di produzione
interni ed esterni (in caso di attrezzature di proprietà del Committente.)

Metodologia:

 Presentazioni, esempi, esercitazioni e discussioni.
 È previsto un test d’ingresso per val utare il livello di conoscenze e un t est finale per monitorare
i risultati

Documentazione:

A ciascuno partecipante verrà fornito la dispensa contenente copia delle
slides proiettate durante il corso.

Prerequisiti:

Nessuno

Durata:

3 giornate 9:30 17:30 Bologna

Docente:

Ing. Gianfranco Guerini Rocco
o Ing. Alessandro Kokeny Cubo Società di Consulenza Aziendale

Attestati:

Rilascio di un attestato di partecipazione.