La Gestione Lean della Manutenzione preventiva, predittiva ed autonoma

Destinatari:

 Responsabili Progettazione
 Responsabili Produzione
 Responsabili Manutenzione
 Responsabili Acquisti

Obiettivi:

 Illustrare, in ottica Lean e Industria 4.0, le quattro metodologie di manutenzione:
– a guasto,
– preventiva,
– predittiva,
– autonoma,
 Definire quando, come e perché applicarle,
 Illustrare esempi di applicazione delle diverse tipologie di Manutenzione .

Durata

2 giornate – su richiesta

Docente

Ing. Gianni Perlini

Contenuti:

 Illustrazione con esempi di cosa s’intende per:
– manutenzione a guasto,
– manutenzione preventiva: in base a quali elementi utilizzarla e supportarla,
– manutenzione predittiva che impone la ricerca di attivatori generati da sensori o simili per evidenziare il decadimento di un certo componente o sistema e indicare il momento in cui intervenire,
– manutenzione autonoma: in un ambiente 5S alcuni interventi di manutenzione sono affidati al gestore
dell’impianto o della macchina.
– Introduzione del TPM – Total Production Maintenance – Valutare la sua esecuzione da parte dei diversi
Attori Aziendali e la sua influenza sull’affidabilità dei processi produttivi.
 La gestione degli interventi mediante la compilazione di una reportistica precisa e completa riguardo alle modalità di ricerca del guasto e delle cause che l’hanno generato e delle modalità seguite per la sua risoluzione.
 Creazione di una check-list d’intervento per la risoluzione di guasti ripetitivi
 Collaborazione con la Progettazione per introdurre miglioramenti al prodotto, sia per la funzionalità che
per la manutenibilità